Intervist(on)a a... FRANCESCA COMINELLI!!!


Buon pomeriggio lettori; quella che state leggendo è una super intervista a Francesca Cominelli, autrice dei romanzi "La mia fine, il mio inizio. Destini incrociati" e "La mia fine, il mio inizio. Destini intrecciati", rispettivamente primo e secondo volume della "Destiny trilogy". Del primo volume potete leggere la mia recensione cliccando qui...
Detto questo vi lascio alle mie domande, ma soprattutto alle risposte dell'autrice che ringrazio per la gentilezza e per la disponibilità.
-
-
-

Risultati immagini per francesca cominelli

  • Come mai la scelta della ambientazione e soprattutto perché fare dell’equitazione un punto chiave della storia?
  • Perché io amo i cavalli e dovevano essere presenti nel mio romanzo. Ho fatto equitazione per 10 anni e ho trovato un modo per sentirmi di nuovo vicino a loro.
  • Quando e come ti è venuta l’idea del romanzo? 
  • Nel 2016, dopo essermi tatuato la frase che risuona spesso nel romanzo: Tu sei la mia fine e il mio inizio. Era da molto che avevo in mente una storia, ma quel tatuaggio è stato la miccia che ha acceso la bomba. 
  • Hai mai pensato di mollare? Se si perché? 
  • Ogni tanto, per la stanchezza del momento, per il fatto di pensare di non riuscire a farcela da sola, perché devi fare tutto e a volte il cervello esplode. Ma è stato un pensiero passeggero, ora sono più determinata che mai.
  • Descriviti con tre parole e spiega la scelta dei tre aggettivi.
  • Solare perché dicono che ho un sorriso contagioso.Egoista, credo si commenti da solo.Creativa, mi piace sperimentare, sognare, immaginare e la mia mente è sempre attiva. 
  • Perché fare di Melissa qualcuno che appare e non sempre è?
  • Perché io sono come lei, non sempre ciò che vedi è la realtà e volevo che ci fosse questo elemento anche nel romanzo. 
  • Cosa ti ha fatto prendere la decisione di parlare di tematiche importanti come il bullismo? 
  • Perché nessuno fa niente per fermarlo. O meglio, lo fanno nel modo sbagliato, rendendolo un fatto mediatico, un male importante, ma non troppo, quasi una moda e questo è sbagliatissimo! Il bullismo non è una moda, il bullismo è una piaga, una violenza, e molto spesso viene sottovalutato. Io ho scritto questo libro che spero possa essere d’aiuto a chi ha subito e subisce questa violenza, perché possa capire che deve reagire e non soccombere. 
  • Qual è la tua citazione preferita? 
  • Vivi e lascia vivere. Se ne vedono di tutti i colori in questo mondo e se tutti si facessero i fatti propri sicuramente sarebbe molto meglio.
  • Ti è sempre piaciuto scrivere? Se si hai scritto altro prima di “La mia fine, il mio inizio”?  Se no, come, quando e perché è sbocciata questa passione? La lettura ha influito, come?
  • I temi non mi piacevano molto, in realtà. Scrivevo bene, ma non mi appassionavano. I libri hanno influito molto sulla decisione di iniziare a scrivere, volevo anche io far emozionare come alcuni autori e autrici hanno fatto con me e mi sono buttata. Riuscire a farlo è la migliore soddisfazione che avessi potuto ricevere.
  • In quali dei tuoi personaggi ti rivedi di più?
  • Amanda per quello che ha vissuto e per come è lei caratterialmente, sono io.
  • Tre buoni motivi per leggere il tuo libro; cos’ha di diverso da tutti gli altri romanzi rosa?
  • Non è la solita storia d’amore piena di cliché.Troverete un’ambiente unico, tra le praterie texane e cowboy sexy e arroganti.La famiglia e l’amicizia sono il perno del mio romanzo e non sempre le si trova. 
  • (Ora ti farò una domanda che in teoria non si può fare, ma ci provo perché non ti nascondo che la curiosità di sapere e scoprire è tanta…) Ci puoi svelare qualcosina sul secondo volume della Destiny Trilogy??
  • Ansia… vi dico solo questo ahahah leggere per capire 😉
-
-
-
Bene lettori, spero che questa intervista vi sia piaciuta, io ci tengo a ringraziare Francesca e a farle un grandissimo "in bocca a lupo" per i suoi fantastici romanzi!!!!
Baci,
Anna!!!

Commenti